12° Congresso Regionale dei “Dialoghi di Palermo Medica”: La medicina di famiglia protagonista nei futuri scenari della sanità

Comitato Scientifico el Congresso:
Vittorio Di Carlo, Luigi Galvano, Paolo Giarrusso, Francesco Magliozzo, Francesco Modica, Francesco Salamone, Luigi Spicola e Luigi Tramonte

Hotel Splendid La Torre – Mondello (Palermo) – 24 e 25 Marzo 2017

Congresso accreditato per 200 partecipanti, MMG – C.A. presso la Commissione Nazionale per la formazione continua in Medicina. ID: 449-179493 ed. 1 – Crediti ECM: 8,4

Scarica qui il programma dell’evento : Programma XII Congresso Dialoghi di Palermo Medica

Scarica qui la Scheda di Iscrizione: Scheda iscrizione Palermo Medica 2017

Segreteria Iscrizioni:

FIMMG, Palermo – Piazza L. Sturzo, 14 – Tel. – Fax 091 331902 – E-mail: fimmgpa@tiscali.it

MAYA IDEE SUD – Via Maggiore Toselli, 2 –90142 Palermo – Tel. 091 541042 Fax 091 6260622 – E-mail: mayaideesud@libero.it

———————————————————————————————–

In un periodo di continui cambiamenti, anche in sanità si cercano tutti quei possibili correttivi che meglio possano permettere di continuare a garantire il diritto alla salute dei cittadini ( articolo 32 della Costituzione della Repubblica Italiana (…la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e assicura cure gratuite agli indigenti..) con i costosi progressi delle scienze mediche per tutti quei cittadini abbisognevoli di cure ed assistenza.

In tale difficile scenario un ruolo sempre più centrale continua a mantenere il medico di famiglia che di per se è e rimane da sempre quel professionista che meglio di chiunque altro riesce a garantire al cittadino ammalato le migliori cure in qualunque contesto esse devono svolgersi.

Si è voluto dara risalto nel contesto del Convegno , attraverso un simposio satellite, alle patologie, soprattutto ostruttive, dell’apparato respiratorio che costituiscono un problema sanitario, ormai non più ignorabile. Le proiezioni dell’OMS, pongono la BPCO, al terzo posto come mortalità nel 2020, con costi sempre crescenti, e più elevati, soprattutto negli stadi avanzati della patologia, con rischio elevato di fragilità e disabilità.

In Medicina Generale, i dati di HS, mostrano come ancora, nella maggioranza di casi, la diagnosi delle patologie ostruttive respiratorie, sia ancora di tipo clinico, e troppe volte non confermata, dall’esame funzionale spirometrico.
Le linee guida, sono concordi, nell’indicare, che la diagnosi di BPCO, deve essere confermata dalla spirometria.

L’incremento della prevalenza della patologia, la possibile introduzione di un piano terapeutico, anche sui LABA/ICS oltre a quello già esistente per i LABA/LAMA, che dovrebbe essere redatto, solo dopo esame spirometrico, dallo specialista pneumologo, aumenterebbe le difficoltà di poter eseguire l’esame, con ulteriore allungamento, del tempo di attesa, già in atto critico.

Nell’ultima proposta di nota sui farmaci per la BPCO, viene affermato che per la prescrizione di qualunque farmaco, è “presupposto irrinunciabile” l’esecuzione della spirometria. Nello stesso documento, viene affermato anche che il Medico di Medicina Generale, purchè opportunamente formato, può egli stesso, eseguire l’esame spirometrico.

L’esecuzione dell’esame spirometrico, potrebbe diventare così, un’opportunità di crescita professionale, per il MMG, che potrebbe così migliorare, con una appropriata selezione degli assistiti, da sottoporre a spirometria, la criticità principale di gestione della BPCO, cioè la sottodiagnosi, relativa soprattutto agli stadi iniziali e moderati, di patologia, e sottoporre egli stesso, i pazienti affetti da BPCO, a monitoraggio, per evidenziare quei casi, in cui la patologia progredisce più rapidamente, e che vanno inviati a consulenza pneumologica ed esami di secondo livello.

È auspicabile, a tal fine, una migliore organizzazione del setting, della Medicina Generale, con accoglienza per appuntamento, degli assistiti, da sottoporre ad esame spirometrico, maggiormente realizzabile nelle forme associative.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *